Grasse risate, anzi no. Magre

Se continuo così il mio Principe va alla Citroen e sente se danno ancora degli incentivi per l’usato che vale zero e mi manda a rottamare.
Sono convinta che fino a vent’anni le donne abbiano nelle vene una particolare sostanza antigravitazionale, tipo l’elio o giù di lì.
Poi, passati i venti, zac: la sostanza evapora e allora ti ritrovi culo, tette, gote, avambraccio, mento e palpebre che crollano. Tutto d’un colpo. Sbradadan!
E allora ti cockerizzi. Tutto giù, a ciondoloni come le orecchie di un Cocker Spaniel.
Ma succede solo a me?
No, perché se ti basi sulla semplice osservazione empirica ti accorgi che con l’andare del tempo le Very Important Women migliorano. 
Volto liscio, culo sodo, tette formato tonsille ingrossate talmente gonfie e tonde che puoi appoggiarci il vassoio degli antipasti.
Pare che solo noi comunissime mortali, figlie di un mondo dove regna la forza di gravità, siamo soggette a solchi facciali, tette cadenti (o come nel mio caso: non pervenute) e culi costellati da un trapanamento di buchi di cellulite che non si tappano nemmeno con il Saratoga.
Loro no. 


Loro, le Vippettone da copertina, con il tempo migliorano.
Badate bene, non si tratta di un misterioso processo alchemico, a sentir loro è tutta questione di stile di vita e di ottimismo.
Mavvaffanculo.
Un giorno c’hanno sulla faccia i terreni brulli della macchia mediterranea e il giorno dopo sono stirate come Border Collie che tiene il muso fuori dal finestrino di un auto in corsa sull’autostrada. 
Il culo passa dalle ginocchia all’osso sacro e le tette si gonfiano miracolosamente manco avessero respirato elio.
“Non mi privo di niente. Mangio tutto quello che mi va, faccio lunghe passeggiate e mi coccolo e soprattutto rido, rido, rido. La felicità è il segreto della mia giovinezza”
Come no, mia grandissima ciuccia grissini, è la felicità il segreto. La felicità e la vita sana. 
Allora senti mia gaudente amica che sei nata dove c’è sempre il sole, invece di fare lunghe passeggiate e di coccolarti tra risate e gioia, perché non leghi il tuo sottilissimo punto vita alle palle di un toro da corrida e te la dai a gambe con il tuo vestitino rosso Valentino?
No, perché, mica per altro, ma io non bevo, mangio più verdure di Clarabella e mi rintrono di creme; eppure per aumentare i gradi di separazione tra me e la Donna-Lupo ho bisogno di depilarmi anche i palmi delle mani; se niente niente trascuro creme e cremette  mi squamo come un piatto di sushi e per evitare di sembrare come un quadro di Picasso devo ritoccarmi la faccia con tutta la flora e la fauna dello Shrilanka. 
Anche perché non so se ci avete fatto caso, ma alla cosmetica non gli si può star dietro.
Tutti i giorni ce n’è una nuova. Roll-on al caffè, creme alle proteine, mascara volumizzanti-seducenti-languidanti-brillantanti, fondotinta naturale ai semi di lino e pigmenti, lucidalabbra volume-colore-natura-sole-cuore-amore; insomma una giungla mie Tarzan-Galline, non se ne esce.
E dopo tutto questo martellamento di cosmetici e canoni estetici, dovrei bermi la stronzata di bellezza naturale fatta di costole di sedano e grasse risate? 
Questa mattina quando mi sono svegliata ero al naturale come il tonno e sotto gli occhi avevo due Piquadro da manager, sulle guance i segni del cuscino e in testa una massa informe di ricci sbilenchi. Ringrazio il cielo che ho lo specchio che arriva solo ad altezza viso.
Con questo niente da obiettare. 
Io tendo a diffidare dalle persone che non hanno rughe in volto: o hanno riso poco o non hanno pianto abbastanza. In ogni caso hanno vissuto meno di quello che avrebbero dovuto (non a caso dimostrano meno anni).
Quello che in realtà voglio dire è che ognuno è libero di far quel che crede. Se le rughe sulla faccia ti fanno schifo e vuoi passare dall’effetto Shiarpei ad un volto liscio e monoespressivo, fai pure. Rintronati di botox, di ialuronico e di restilane. Se invece della buccia d’arancia c’hai tutto il frutteto, fatti pure infilare delle cannule di gomma nelle cosce e fatti risucchiare anche il cervello, ma abbi pietà, mia cara Nip & Tuck, non ci raccontare che dipende dalla vita sana e dalle risate. 
Anche perché, tesoro mio, dopo che c’è passato il chirurgo su quel faccino, la vedo dura che tu riesca ancora a mimare un’espressione.


Vostra Gallina plissettata Valentina

39 commenti:

Agata Gallo said...

Ti ricordo solo due cose:
-(la prima) il dolore fa bene: lo deducemmo da una nostra amica in comune un giorno che dopo averti vista letteralmente distrutta esordì con un "come stai beneeee! non ti ho mai vista così bella!"
-(la seconda) la dieta dimagrante più efficace: tre costole di sedano, più 7 pacchetti di sigaretta diluiti in una settimana fanno dimagrire. Do you remember?!!
E poi quello che conta si sa è la bellezza interiore.. (?) Dimmi di sì ti prego.

Valentina said...

@ Agata: tragicamente ricordo esperienza numero 1. Tremenda. E sorrido al ricordo di esperienza numero 2. Sulla bellezza interiore ho delle riserve. Confido in dispositivi che ne rilevino la consistenza. Siamo, purtroppo, nell'epoca del "se non vedo non credo".

... daisy... said...

Ahahahahahhaahhaha...
daiii loro hanno il photoshop e il chirurgo...
Comunque io ancora non sempro un cocker e ho passato gli enta!!! :-D
sei fantastica!!!

Valentina said...

@Daisy: non sai che invidia. Io sono cockerizzatissima. Guance, anzi gote e collo penzolano come panni al sole. Specialmente quando sono seria e non ci sono muscoli facciali a tenere su tutto l'ambaradan con una risata, due solchi (che nemmeno amata di cazzuola riesco a colmare) fanno da cornice alla mia bocca mettendo in evidenza tutto il cockerizzamento. Penzolo. L'unica consolazione è che non ho le tette, quindi quelle almeno non cadono, ma stanno lì ferme come due chiodi al muro. Ovviamente la consolazione è magra -almeno quella-.

... daisy... said...

Ahahahahah ! capita anche a me avere i buchi quando dimagrisco troppo (tipo in primavera che soffro di inappetenza), ma tranne gli avambracci nulla di serio! :-DDDDDDDDD mi hai fatto morire... :-DDDD dai che sono sicura che esageri un po'! Comunque anche io sono Stettata... ma megli così perchè è verissimo: sembra che non cadano mai... :-DDD

dublina said...

ehhhhhhhhh ma le Very Important Women fanno del loro corpo il loro lavoro.
E' questa la differenza con noi comuni mortali!
Noi dobbiamo studiare, lavorare, fare figli, consolarci con la nutella, e via dicendo...
Loro invece al massimo affitano l' utero o furbescamente fanno un figlio da giovani, quando i tessuti facilmente tornano come prima :P
Se ognuna di noi passasse le giornate tra massaggi, fanghi, estetiste, e un pò di attività fisica..!
Ovvio poi a un certo punto ci vogliono i dìn dìn, per le ritoccatine "obbligatorie", che fanno tanto tagliando dell' auto ahahah
Ritoccatine che molte di noi non si potranno mai permettere, o che molte di noi (come la sottoscritta) non vorranno mai fare!

dublina said...

Io ho dato il mio addio al mio amatissimo carboidrato preferito... IL PANE :(

Sacrifici ragazze, sacrifici!

Zio Scriba said...

Evviva le belle facce naturali e un po' rughettose di chi ha tanto riso, tanto pianto, tanto vissuto.
Abbasso le Very Important Whore imbalsamate e squallide. :D

NonnaPapera said...

una photoshoppata fa miracoli e ormai non si nega a nessuno

Bia said...

Ti capisco.
E dire che i 20 non li ho passati da molto.
Secondo me il declino inizia nel momento stesso in cui abbandoni finalmente la fase di goffa adolescente brufolosa: nessuno ti avverte che il tuo momento di gloria durerà un annetto scarso, e che scomparsi i brufoli (che poi, mica è detto che scompaiano), arriveranno le rughe, le smagliature, la cellulite, le borse sotto gli occhi, le zampe di gallina, e chi più ne ha più ne metta.
E non parliamo della peluria poi, che la mia estetista grazie a me si sta facendo la casa al lago!

mammalellella said...

ma cara!
anche tu staresti meglio con un personal trainer, un massaggio, un'estetista e una parrucchiera sempre con te... e un'assistente personale che fa tutto!
le VIP cosa hanno da fare?! ma occuparsi di loro... of course

un baciotto

giardigno65 said...

eppoi spossano pure bellocci più giovani !

bismama 2.0 said...

Ginnastica...ci vuole ginnastica. Ma anche un dietologo, un nutrizionista, un elettrrostimolatore, un massaggiatore...e dei kg, indefiniti, di anticellulite

Grace (ma nana) said...

Dire che mi son spanciata a leggere questo post è superfluo!
L'ho anche riletto, per essere sicura di non averlo sognato...
LO QUOTO IN TOTO!
E pensa Valentina...per pochi giorni non sono nata su di uno scoglio che ci si può tuffare....
Vorrà dire qualcosa? Sarà per questo che sto cadendo a pezzi?
;-)))))))

Mirino said...

A volte è possibile mantenere un bel culo fiero e solido fino a un'età incredibile. E In ogni caso tutto è relativo. A quest'età incredibile, l'uomo con cui si vive non è più in grado di vedere così bene che prima. I piccoli difetti che sono i baci di tempo sono per lui invisibili, e forse anche la donna diviene incapace, o finge di essere incapace, da vederli.

yashanti il blog di una donna del sud said...

io ho il culone dalla nascita e ho dovuto fare una gran vita sedentaria per mantenerlo, mica ciuffroli e bisturi! sò soddifazioni!

pollywantsacracker said...

io c'ho sempre un'opinione controcorrente, però, ve lo dico, io le tette me le rifarei.
vi da appuntamento in piazza a faenza per flagellarmi pubblicamente.

Mila said...

Ma vuoi mettere un aperitivo in centro, una pizzata con gli amici, una vaschetta di gelato davanti alla tv o un bel cornetto per cominciare bene la giornata?
Almeno noi siamo più felici (più o meno) e non abbiamo bisogno di raccontare ca..ate in giro...
E poi se non si esagera e si impara ad accettare i nostri piccoli difetti, con un pò di sport e qualche crema miracolosa (magari spalmata da qualcun'altro!) non siamo mica così male, no?
Grande Vale, sempre simpaticissima!

cicciopettola said...

"la felicità è racchiusa dentro una molecola di colesterolo"
Confucio, anzichèno!

MelodiaNotturna said...

Ormai su di me le bellissime televisive mi fanno l'effetto di Topolino: vivono solo nel mondo delle favole....

GIALLOSANMARINO said...

Ciao cara Vale, sono un'associata del gruppo "non pervenute" ....ho 30 anni e capirai sono in pieno decadimento psicofisico ..... Segreto: L'altra categoria di cui parli in realtà vive in camere dove la forza di gravità và verso l'alto no verso il basso come nel nostro caso!!!! capito il trucchetto???? ;)

complimenti per il blog!!!! _Mary

Vittoria A. said...

Ciao Vale! Ti capisco visto che ho passato gli "enta" da un po' e sento anche io tutte quelle sciocchezze sulle risate e la vita sana...L'unico che fa una vita sana e' il chirurgo estetico che con tutti i soldi che si prende ha la casa al mare, in montagna e la barca a Porto Cervo! Lui si che fa una vita sana! :D

Simo said...

Ragazze, ma scherziamo? Primo, quelle sui 20 e sui 30 non si permettessero di lamentarsi...ecchecavolo! Un po' di rispetto per chi veramente inizia a "sfrantumarsi". Come me, a pochi mesi dai 40, che sono in pieno "incockerimento" e in inesorabile "imbefanimento"...

Marina e Camilla said...

Hanno anche loro questi problemi, hanno due occhi, un naso, una bocca... è solo che photoshop e truccatori fanno miracoli :D
Mi disperavo prima di capirlo e vedere foto di vip truccate e struccate a confronto!!! :D

bruce0wayne said...

A me che son maschio, questo post pieno di astio gratuito mi ha fatto un po' ribrezzo.
Quasi lo stesso sentimento che l'autrice prova per le dive spianate dal chirurgo.

Ci leggo dentro tanta invidia, più che voglia di lealtà spirituale.

Astio gratuito in cambio del proprio corpo e dell'inesorabile passare del tempo che non rende più belle o più interessanti, ma semplicemente più brutte.

E' un dannatissimo dato di fatto e tutti questi romanzi di cattiveria non lo cambieranno di certo.

Non lego una morale, non percepisco un messaggio degno di questa definizione. Forse c'è il messaggio, forse si, ma è sepolto sotto kg e kg di cattiveria adiposa autoreggente.

Baol said...

Hanno un trucco, dormono a testa in giù, come i pipistrelli: quello che in giornata tende a scendere in nottata risale tanto, il sangue al cervello non è un problema :D

Lindalov said...

Non è vero, alcune fotografate al naturale sono o-r-e-n-d-e.
Tranne belèn, la senicar, la galanti la... :D

Magrè said...

Posso dirti che.
Mi ritrovo una nonna a 62 anni.
Quegli anni non le pesano per niente!
Va in palestra,e fa di tutto per mantenersi giovane e bella..E ci riesce!
Va dall'estetista di tanto in tanto,usa maschere facciali,usa creme anti-invecchiamento...E niente bisturi! Lei odia i bisturi e tutta quella robaccia che le donne (e non solo) usano ai tempi di oggi!
Non servono a niente!
..Ma poi quella che conta veramente..
E' la bellezza interiore! :)

Tyler Durden said...

"e voglio un pensiero superficiale
che renda la PELLE SPLENDIDAAAA." cantavano gli Afterhours...

modesty said...

che bel post(o) il tuo.
vedo facce conosciute nei commenti.
oh, vic, almeno tu avresti avuto l'obbligo morale di dirmi di sto posto, eh?!

quel che si fan fare le donne pensando di essere più belle dopo è il resultato del mondo intero che li guarda con occhio critico, notando avidamente ogni piccolo difetto e decadimento in più.

restare se stessa, fregandosene altamente di questi sguardi, è solo per le più egocentriche, credo. tutte le altre prima o poi si lasciano prendere dal panico e si tuffano nel vortice del dietologo, nutrizionista, palestra, creme, pillole, massaggi (ho provato una volta - mi sono fatta la massaggatrice - divertente!) e persino psicoanalisi.

ho conosciuto una che voleva farsi attaccare le orecchie più in alto rispetto alla linea della guancia/mento, perchè sua madre continuava a dirle che solo le contadine hanno le orecchie attaccate cosi basse.

non sarà che sono anzitutto le donne stesse a volersi male a vicenda?!

love, mod

Grace (ma nana) said...

Valentinaaaaaaaaaaaaa?
Ti avviso..posso stare solo qualche altro giorno senza leggerti,poi vado in astinenza e soCCavoliiii!

marina spada said...

Ciao Valentina, oggi ho scoperto il tuo fantastico blog e non ho intenzione di separarmene più! Troppo forte!
Non sono una wip e ho passato i quaranta da ben otto anni abbondanti.
Il mio seno che è quasi non pervenuto, è riuscito ad allattare ugualmente due figlie.
Per quanto riguarda le restanti parti del mio corpo, stendiamo un velo pietoso! Ma chi se ne importa...
Infondo abbiamo ancora tanta capacità di sorridere anche davanti ad uno specchio!
Ciao, Marina

Flo said...

Mi piaciono molto le foto che utilizzi in questo blog!!!
come l'illustrazione qui sotto!!!
Un abbraccio ^ ^

Erotici Eretici said...

Davvero esilarante il tuo racconto sulla decadenza femminile. Sulle "altre" e i loro a volte mostruosi interventini abbiamo scritto qualcosa anche noi se ti va di passare sei la benvenuta. Yin

martienn said...

your blog is fantascic : ) great !


if, you want follow me :*

Eva said...

Cockerizzate è esilarante!
Neologismo che aggiungerò al mio vocabolario!

Anonymous said...

Ricapitoliamo:
è da quando ero praticamente una BAMBINA che DEVO occuparmi dei vestiti, dei capelli e delle unghie. Subito a seguire, quasi ancora prima della pubertà arrivano i punti neri e i brufoli, che mi impegnano non poco tempo ogni giorno.
poi cresco e mi chiamano RAGAZZA e DEVO fare la ceretta alle gambe, schiarire i baffi o strapparli (non so cosa sia peggio) e PER FORZA curare la cellulite, in modi quasi mai piacevoli. Devo pensare anche ad inguine e ascelle, in modi o noiosi oppure estremamente dolorosi (e pure noiosi). DEVO trovare una pettinatura, perchè è chiaro, DEVO essere bella (o quanto meno provarci), e devo strapparmi costantemente le sopracciglia, anche se ne ho pochissime. Se sono abastanza furba riesco ad evitare smalto ed acetone maleodorante, almeno se non ci sono le feste di mezzo.
Da ADULTA poi aggiungo al taglio dei capelli, da trovare e ritrovare ogni volta perchè la tua faccia cambia ma da ora in poi DEVO non solo tenerli sempre puliti e in ordine, ma occuparmi anche della tinta, e costantemente di ritoccarli dove c'è la ricrescita.
DEVO anche idratare da molti anni la mia pelle per non sembrare un pesce squamato.
Le rughe poi non ne parliamo, a quanto pare, è vietato invecchiare.
A tutto questo aggiungi che dovremmo andarcene in giro su delle scarpe con un tacco talmente INSTABILE in scarpe di una scomodità TOTALE e indiscussa, scarpe che nessun essere dotato di neuroni indosserebbe di sua spontanea volontà se fosse LIBERO di scegliere. Mettici le calze di naylon che danno un fastidio della miseria e contribuiscono a fare un meraviglioso effetto grattugia sui calli, oltre che a farti patire un freddo boia in inverno, aggiungi i reggisenti a balconcino che non ti lasciano respirare, o peggio ancora associali ai tanga, che ti segano in due le parti intime, ed hai completato l'opera.

Hai ridotto un essere potente, sano, dotato di infinite possibilità ad una robina insicura, piena di giudizi su di sè, che vaga sofferente (per lo più compressa da vestiti scomodi arrampicata su calzature inadeguate alla deambulazione) alla ricerca di una manifestazione di una bellezza che non è naturale, non è sana, una bellezza imposta probabilmente da qualcuno che deve essere stronzo fin dentro l'anima, qualcuno che ci vuole schiave di una aspettativa che è da idioti cercare di assecondare.
Detto questo, vado a farmi la ceretta... :-))))

Un abbraccio a tutte ....e scendete da quelle scarpe stupide, che se cadete da un tacco 10 vi fate maleeee!!!!!

Silvia L. la mercatara invincibile

Anonymous said...

Ricapitoliamo:
è da quando ero praticamente una BAMBINA che DEVO occuparmi dei vestiti, dei capelli e delle unghie. Subito a seguire, quasi ancora prima della pubertà arrivano i punti neri e i brufoli, che mi impegnano non poco tempo ogni giorno.
poi cresco e mi chiamano RAGAZZA e DEVO fare la ceretta alle gambe, schiarire i baffi o strapparli (non so cosa sia peggio) e PER FORZA curare la cellulite, in modi quasi mai piacevoli. Devo pensare anche ad inguine e ascelle, in modi o noiosi oppure estremamente dolorosi (e pure noiosi). DEVO trovare una pettinatura, perchè è chiaro, DEVO essere bella (o quanto meno provarci), e devo strapparmi costantemente le sopracciglia, anche se ne ho pochissime. Se sono abastanza furba riesco ad evitare smalto ed acetone maleodorante, almeno se non ci sono le feste di mezzo.
Da ADULTA poi aggiungo al taglio dei capelli, da trovare e ritrovare ogni volta perchè la tua faccia cambia ma da ora in poi DEVO non solo tenerli sempre puliti e in ordine, ma occuparmi anche della tinta, e costantemente di ritoccarli dove c'è la ricrescita.
..... continua

Jason Reddy said...

Questo tipo di chirurgia è buona. Ma è molto expensive.Thanks per queste informazioni ......



Linee di confezionamento automatic